Sul fronte della logistica e del parco macchine in genere, il 2014 per Ecogest è stato un anno caratterizzato dalla forte scelta della direzione, in particolare modo da Matteo Molinari e condivisa evidentemente anche con la proprietà intera, di alienare alcuni mezzi operativi che hanno espresso la loro massima efficienza nell’ultimo decennio per fare spazio a nuovi investimenti con un occhio di riguardo all’inquinamento. Tutto il parco vetture dei responsabili di cantiere è stato interamente rinnovato con l’acquisto in blocco di autovetture ad alimentazione promiscua (benzina-metano) e questo ha consentito un abbattimento dei consumi ma soprattutto la possibilità di avere strizzato l’occhio all’ambiente, che è pur sempre il nostro miglior cliente.Nel corso del nuovo esercizio compariranno su alcune autostrade le nuove macchine operatrici semoventi per il taglio dell’erba recentemente ordinate e che confermano la scelta strategica verso la casa costruttrice americana John Deere. L’allestimento dei bracci tagliaerba va nella direzione di omogeneizzare tutti i bracci tagliaerba con le medesime caratteristiche tecniche in modo tale da ottimizzarne anche le manutenzioni ordinarie su bracci telescopici, attrezzature di taglio e motorizzazioni (le alimentazioni dei trincia erba sono state orientate unicamente verso le pompe a pistoni idraulici), le casse delle trincia rigorosamente in alluminio sagomato (per rendere più veloci e fluide le operazioni di apertura e chiusura bracci nei trasferimenti godendo di minore peso decentrato e maggiore stabilità) e l’allestimento sistematico su tutti i mezzi da lavoro di radar gps  per la tracciatura sui software di gestione che non solo permettono l’identificazione in tempo reale delle produzioni lungo la rete autostradale ma anche la possibilità per i committenti di monitorare il nostro servizio attraverso una password dedicata che forniamo al momento dell’inizio dei lavori. Per quello che riguarda invece la dotazione tecnica ed informatica attribuita ai nostri responsabili di cantiere nel corso dell’anno, completeremo la stessa per gli ultimi cantieri di recente acquisizione ed ogni responsabile di cantiere opererà solo ed attraverso tablet  per il dialogo telematico con la nostra sede ma anche con le direzioni lavori dei nostri committenti e per il secondo semestre 2015 è allo studio di fattibilità l’acquisto di un drone dotato di videocamera per le riprese dei lavori in tempo reale con l’obiettivo di trovare nuove soluzioni per garantire maggiore sicurezza alle nostre squadre di lavoro lungo le strade ed autostrade che lo ricordiamo, operano costantemente in presenza di traffico con cantieri mobili.