1
Mentre per le nostre maestranze, impegnate a pieno ritmo lungo tutte le autostrade italiane dove operiamo, si avvicina il periodo più difficoltoso a causa delle proibitive condizioni metereologiche legate al caldo ed al grande traffico, è doveroso rivolgere agli utenti una serie di raccomandazioni che apparentemente posso sembrare scontate, ma che invece possono salvare utenti ed operatori da incidenti con conseguenze a volte drammatiche. Innanzitutto scrupolosa attenzione alla segnaletica luminosa mobile montata sugli autocarri che spesso distrattamente notiamo sul margine destro delle carreggiate (in corsia di emergenza), e che invece sono il campanello di allarme – i cosiddetti preavvisi di lavoro – che segnalano come a poche centinaia di metri avanti ad essi ci sono delle attività in corso. Ricordiamo agli utenti che le macchine operatrici addette allo sfalcio dell’erba, per quanto presenti all’interno della corsia di emergenza (ove esistente), hanno una larghezza di poco superiore ai 2 metri, e sono macchine operatrici con pesi superiori ai 100 quintali che si muovono a non più di 6 km/h. Tamponarle, anche di striscio, equivale a prendere frontalmente un muro e difficilmente se ne esce incolumi, pertanto è importantissimo tenere alta l’attenzione sui preavvisi di cantiere luminosi, così come sugli autocarri che hanno accesa la freccia direzionale che invita l’utente a non avvicinarsi troppo al margine destro. Il significato è chiaro: sulla destra, quindi in corsia di emergenza, stiamo lavorando con un cantiere mobile in avanzamento lento. Altra raccomandazione riguarda le piste di accesso e di uscita dagli svincoli; spesso siamo presenti anche in queste rampe per eseguire le lavorazioni di rifinitura dello sfalcio. Anche in questo caso potreste trovarvi all’improvviso una macchina operatrice lenta che lavora: rispettate le velocità ed i limiti imposti; un’accelerazione improvvisa, o una frenata brusca, non servono a nulla, ed anzi diventano di maggior pericolo con conseguenze che possono essere comunque drammatiche. Le statistiche parlano chiaro: il caldo e gli orari pomeridiani sono i peggiori nemici degli utenti stradali e quindi degli addetti ai lavori; noi siamo presenti su strada purtroppo senza la possibilità di scegliere gli orari di lavoro. Voi che potete, scegliete una partenza intelligente, in orari appropriati ed in condizioni climatiche ottimali. Per il resto buon viaggio e buone vacanze a ciascuno di voi da tutto lo staff di Ecogest.

2

3