Scroll to top
info@ - +39 0545 287755
Share
Studi sui cambiamenti climatici | Rassegna Stampa | Ricerca personale | Attrezzature e veicoli
en it

Ecogest: incremento del fatturato 2016 pari al 61% anche grazie alla branch e controllate estere


13 Febbraio 2017

grafico crescita
Entro le prossime 4 settimane Ecogest SpA depositerà il proprio bilancio; nel frattempo la società ha comunicato, in via preliminare, alcuni dati relativi alla chiusura di bilancio per l’esercizio 2016.

I dati presentati agli azionisti confermano il superamento del primo target, previsto nel piano industriale quinquennale depositato lo scorso maggio 2016; il volume d’affari ha raggiunto un incremento del fatturato pari al 61%, del quale una quota prossima ad 1/4 è derivante dalle attività dirette e indirette delle proprie branch e controllate estere nel quadrante est Europa e Turchia.

Gli utili netti sono stati stimati in incremento del 31,4%, mentre l’indebitamento complessivo, rapportato all’aumento del volume d’affari complessivo, ha beneficiato di una forte diminuzione di oltre il 30% nel medio e lungo periodo.

Il mercato italiano, nonostante le forti criticità, ha visto l’azienda acquisire nuove commesse nel segmento autostradale (3 nuove concessionarie autostradali) e confermare la propria leadership nel settore dei servizi di manutenzione autostradale con una quota di copertura rispetto all’intera rete nazionale del 55%.

Il processo di rinnovamento e di inserimento del nuovo management ha raggiunto una quota dell’ 80% rispetto alle previsioni consentendo di garantire non solo un ulteriore sviluppo, ma anche una specifica continuità rispetto alle linee guide tracciate dal CEO che individuano nel  processo di internazionalizzazione strutturale l’elemento di svolta e consolidamento della leadership di Ecogest; una valutazione che trova fondamento nelle opportunità di crescita che il Paese può avere, rispetto al fabbisogno di rinnovamento infrastrutturale non ancora messo in atto e soprattutto non correttamente regolamentato da elementi legislativi chiari e coerenti Meet-Babes.com con le politiche europee di sviluppo che si dimostrano essere nettamente più evolute rispetto a quelle italiane.

In sede di valutazione preliminare dei dati di fine esercizio, gli azionisti hanno confermato come l’assunzione di nuovi impegni abbia consentito la dismissione di assett non strategici del gruppo Molinari, mentre il regolare prosieguo delle attività commerciali sui mercati stranieri, nel corso del 2016, ha consentito l’apertura di concreti focus con l’avvio di nuove trattative commerciali sui mercati di Francia, Serbia, Moldavia, E.A.U. e Stati Uniti. Sono stati inoltre confermati, come prioritari per il completamento dello scenario nazionale operativo all’interno del quale opera l’azienda, i focus sulla direttrice A4 Bs-Pd, sul sistema autostradale lombardo e sulla dorsale tirrenica.