Scroll to top
info@ - +39 0545 287755
Share
Studi sui cambiamenti climatici | Rassegna Stampa | Ricerca personale | Attrezzature e veicoli
en it

Ecogest, unica società europea di servizi del verde autostradale intervenuta oggi alla IV Conferenza Mondiale sulla Mobilità Sostenibile in Marocco


6 Ottobre 2022


La società ravennate ha presentato i progetti di mitigazione ambientale che, grazie anche a supporti digitali, contribuiranno a fronteggiare i gravi danni infrastrutturali provocati dai cambiamenti climatici

Cotignola (RA), 06 ottobre 2022 – Una corretta e mirata manutenzione del verde autostradale può disinnescare le conseguenze nefaste che i cambiamenti climatici infliggono quotidianamente alle infrastrutture italiane e internazionale. È questa la sintesi dell’intervento tenuto oggi da Pietro Torchi Lucifora, General Manager di Ecogest SpA alla IV Conferenza Mondiale sulla Mobilità Sostenibile, promossa dall’International Road Federation a Marrakech, in Marocco. Insieme a lui era presente alla conferenza internazionale anche il CEO di Ecogest, Michela Nanni.

Relatori istituzionali provenienti da 20 paesi, in rappresentanza di 4 continenti, si sono confrontati sui temi del cambiamento climatico. Ecogest ha rappresentato l’unica azienda europea di servizi del verde autostradale invitata al prestigioso evento.

Oltre a indicare quali conseguenze i cambiamenti climatici hanno sull’integrità delle infrastrutture di trasporto Ecogest, insieme ai creatori del software Kassandra, ha illustrato come si possa concretamente intervenire per arginare questi effetti negativi modificando i programmi di manutenzione. “Si tratta – ha dichiarato Valerio Molinari, azionista di riferimento di Ecogest Spa – della prosecuzione di un progetto e di un’intuizione avviata oramai da tre anni: studiare gli effetti del cambiamento climatico sulle infrastrutture di trasporto, coniugando i nostri 50 anni di esperienza in strada con un nuovo approccio scientifico che determini non solo analisi attendibili, ma anche soluzioni credibili. Un percorso che ci ha consentito oggi di essere riconosciuti quali player ed uno dei più prestigiosi tavoli mondiali di studio ed analisi delle conseguenze infrastrutturali del cambiamento climatico.”